La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

CCIR

I TWEET

 In applicazione della nuova direttiva europea in materia di pagamenti DSP2 (Direttiva UE sui servizi di pagamento), un emendamento del Parlamento francese prevede la possibilità di ritirare denaro liquido pagando con una carta di pagamento presso un punto vendita: in pratica il cliente pagherà di più del prezzo di acquisto e il

commerciante renderà la differenza in contanti. Un decreto di applicazione fisserà l’ammontare massimo di ritiro e l’accordo dei commercianti non è obbligatorio, ma sarà sulla base del volontariato. Tale misura risponde alla difficoltà d’accesso ai bancomat in alcune zone isolate. La Francia dispone attualmente di 57.000 distributori automatici di biglietti (DAB), ossia 850 per 1 milione di abitanti e la tendenza è che i Francesi ritirano meno spesso denaro, ma per un ammontare più elevato. Il Cash-Back è già presente in Germania, Italia e Spagna, ma rappresenta una debole quota del denaro ritirato in Europa: meno del 2% secondo la BCE, e la somma media ritirata è di 15 euro. (ICE PARIGI)

EN IT